Vai al Contenuto Vai al Menu di Navigazione

Valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico

Valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico e vendite in Italia

Patrimoniopubblicoitalia.it è un portale che mette in contatto il pubblico con il privato; è un catalogo virtuale dedicato agli immobili pubblici e di provenienza pubblica valorizzati e disponibili per la vendita, la permuta o per altre attività di valorizzazione.
Qui potete consultare palazzi, ville, strutture sanitarie e ricettizie, ma anche appartamenti negozi e spazi commerciali sparsi lungo tutta la penisola isole comprese.
Infatti è possibile analizzare il contenuto del fascicolo immobiliare in tutti i suoi componenti, documenti compresi, per poter formulare una proposta in linea con l'area di interesse consultata.

  • Vetrina

    Singoli lotti a Udine in vendita (2)

     

     

    Nella città di Udine, a cura della Banca d'Italia, sono posti in vendita i singoli lotti, ad uso abitativo, tutti dislocati nel centro storico, nelle immediate vicinanze dell’Università

    Nel dettaglio:

     

    LOTTO A - PIAZZA PRIMO MAGGIO, 10

    Superficie totale lorda circa 397,50 mq

    Classe energetica: G - 259,96 KWh/m² anno – in corso di rinnovo (residenziale)

    LOTTO B - VIA PORTANUOVA, 16-18

    Superficie totale lorda circa 508 mq

    Classe energetica: F (in corso di rinnovo)

    LOTTO C - VICOLO DELLA BANCA, 2 (EX ALLOGGIO CUSTODE)

    Superficie totale lorda circa 270 mq

    Classe energetica: G - 319,99 KWh/m² anno (residenziale)

    LOTTO D - VICOLO DELLA BANCA, 2 (UNITÀ COLLABENTE)

    Superficie totale lorda circa 391 mq

    Classe energetica: G - 128,10 KWh/m³ anno (non residenziale)

    LOTTO E - VIA PORTANUOVA, FABBRICATI DAL CIV. N. 20 AL N. 34

    Superficie totale lorda circa 2.692 mq

    Classe energetica: G - (residenziale)

    LOTTO F - VIA CAIROLI, 2

    Superficie totale lorda circa 358 mq.

    Classe Energetica: G - 235,74 KWh/m2 anno (residenziale)

     

    Il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse è l‘8 maggio 2019.

    Per maggiori informazioni e contatti www.bancaditalia.it/chi-siamo/beni-immobili

     

     

     

     

  • Vetrina

    Detrazioni

     

     

    La Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 7/E/2018, fornisce chiarimenti in merito alle detrazioni fiscali conseguenti a lavori di ristrutturazione edilizia: esse sono da ritenersi legate all’immobile e non al soggetto dichiarante.

     Nel caso, ad esempio di compravendita dell’immobile oggetto della ristrutturazione, la detrazione fiscale sarà trasferita all’acquirente. Tranne nel caso di un diverso accordo tra le parti, la detrazione viene dunque trasferita all’acquirente per la quota non ancora utilizzata da colui che aveva sostenuto la spesa iniziale.

    Nel caso, invece, in cui le due parti decidano che a usufruirne sarà il precedente proprietario, sarà redatta una scrittura privata autenticata, o specificarlo nell’atto di compravendita. Infatti l’accordo sulla detrazione deve essere  indicato sia sul preliminare di compravendita, che nell’atto definitivo. Nel caso, infine, di una sola quota dell’immobili la detrazione non potrà essere trasferita all’acquirente.

    Donazioni a titolo gratuito o permute prevedono l’applicazione delle medesime regole applicate alla compravendita, mentre nel caso di usufrutto non è previsto il passaggio delle quote di detrazione fiscale non utilizzate al beneficiario.

    Inquilino o comodatario usufruiranno delle detrazioni per le spese di ristrutturazione da loro effettuate, anche successivamente allo scioglimento del contratto.

    Nel caso di successione, le detrazioni fiscali spettano solo all’erede che detiene il possesso e la disponibilità dell’immobile.

    La detrazione sarà suddivisa in parti uguali nel caso di più eredi, nel caso in cui nessuno usufruisca effettivamente dell’abitazione. Se l’immobile ereditato è dato in locazione, le quote non ancora utilizzate saranno “congelate” fino al termine del contratto, mentre verranno perse nel caso di vendita a terzi.

    Se a beneficiare delle detrazioni è l’affittuario, le quote mancanti passeranno al suo eventuale erede se subentra nel contratto di locazione.

  • Vetrina

    Banca d' Italia vende (3)

    La Banca d’Italia ha avviato una procedura di vendita senza base d’asta per alcuni immobili siti in Avellino, Novara, Ragusa, Varese e Udine; il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse è l‘8 maggio 2019.

     

    Ragusa, Piazza Matteotti n. 10/11

    Lo stabile occupa un isolato che prospetta su Piazza Matteotti, Corso Italia, Via S. Vito e Via Scorfani.

    E’un edificio isolato che insiste su una superficie di 1.120 mq. circa,e consta di n. 5 livelli di cui due interrati, rispetto al prospetto principale su Piazza Matteotti, un piano rialzato e due piani in elevazione.

    L’immobile ricade all’interno del perimetro del centro storico dove gli interventi, dalla manutenzione ordinaria alla ristrutturazione, sono regolati dalla legge speciale della Regione Siciliana n.61 dell’11 aprile 1981 e dalle prescrizioni del Piano Particolareggiato per il centro storico di Ragusa.

    L’immobile è sottoposto al vincolo di interesse storico-artistico. La vendita è, pertanto, subordinata al rilascio dell’autorizzazione della Regione Siciliana.

    L’immobile è in buono stato di conservazione. 

    L’immobile si vende libero ad eccezione di una cabina di trasformazione elettrica locata fino al 2028.

    Classe energetica uffici e assimilabili: da E a F – EP gl,nren da 151.5260 kWh/m²anno a 287.5040 kWh/m²anno.

    Classe energetica abitazioni: da F a G – EP gl,nren da 142.7980 kWh/m²anno a 274.3230 kWh/m²anno.

     

     

    Varese, Via Sacco, 1

    Situato nel centro storico, l’immobile è al limite dell’area pedonale, o tra via Sacco e via Bernascone confinando a ovest con Villa D’Este e l’adiacente Parco, entrambi di proprietà del Comune di Varese, entrambi sottoposti a vincoli, che determinano per l’immobile di via Sacco l’applicazione di un vincolo indiretto per effetto del quale qualunque progetto ed intervento saranno suscettibili di preventiva approvazione da parte della competente Sovraintendenza

    Il fabbricato ha pianta pentagonale irregolare, con un cortile interno scoperto, ed è distribuito su cinque livelli con accessi al piano rialzato (ingresso principale) e al piano seminterrato (ingresso di servizio) oltre a un terzo accesso in comune con le unità residenziali.

    Il complesso immobiliare ha una superficie commerciale di circa mq 6.000.

    Le diverse unità poste all’interno dello stabile sono dotate delle seguenti destinazioni d’uso: istituto di credito, residenziale e magazzino.

    Classe energetica uffici e assimilabili: E – EPh = 43,16 kWh/m³/anno.

    Classe energetica abitazioni: G – EPh da 257,94 kWh/m²/anno a 359,13 kWh/m²/anno.

     

     

     

    Il termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse è l‘8 maggio 2019.

    Per maggiori informazioni e contatti www.bancaditalia.it/chi-siamo/beni-immobili.